“Le mani sulla città” comitato ex manifattura tabacchi.

Riceviamo e volentieri pubblichiamo, il seguente comunicato del comitato Ex manifattura tabacchi

” LE MANI SULLA CITTA'”

fotomontaggio Così il Comitato per la tutela dell’ex Manifattura Tabacchi di Firenze aveva scelto di intitolare il volantino con cui si invitavano i cittadini all’assemblea del 7 maggio scorso, presso il Teatro di via Boccherini, per denunciare lo scempio del complesso manifatturiero e delle zone circostanti, conseguenza diretta della Variante approvata dal Comune di Firenze il 31.03.2014.

Mai titolo è apparso più profetico. Nel corso della serata, che ha registrato un’ampia ed accorata partecipazione di oltre 200 cittadini, sono state illustrate (in un crescendo di incredulità, smarrimento e rabbia) tutta una serie di previsioni descritte nelle oltre 90 pagine di cui si compone la Variante che, se realizzate, renderanno tutta questa parte del Q1, a ridosso delle Cascine, praticamente invivibile. 

La Variante non solo modifica radicalmente la destinazione del complesso, da bene idoneo a svolgimento di funzioni pubbliche ad oggetto di sfruttamento privato, regalando con ciò al suo attuale proprietario, cioè FINTECNA e Cassa Depositi e Prestiti, un ingente guadagno dall’incremento di valore dell’area, ma accoglie in toto un progetto di trasformazione, proposto dalla proprietà che si presenta solo come una grande speculazione edilizia. Contro questo progetto, più di 1500 cittadini firmarono nei primi mesi del 2012 una petizione, consegnata nelle mani dell’allora assessore E.Meucci e dell’ex sindaco M. Renzi.

Al di là delle sbandierate intenzioni di voler realizzare un recupero, una rivitalizzazione ed una rigenerazione dell’area (parole usate dal Comune per presentare sulla stampa cittadina la Variante) in realtà una volta accantonato il progetto, a nostro avviso splendido, di portare negli edifici del complesso la nuova Emeroteca della Biblioteca Nazionale; sfumata, sembra per difficoltà finanziarie, la possibilità di trasferirvi alcune scuole cittadine, come il liceo artistico, il centro di restauro, e tutto un insieme di realtà qualificanti e vivificanti per il quartiere e per l’intera città; anche al di là degli eventuali accordi, ancora peraltro alquanto generici, per la realizzazione di una cittadella della moda ed un centro di design internazionale e che occuperebbero comunque una modesta porzione dell’intera superficie (10-15.000mq sugli oltre 100.000 mq dell’area):

COSA CI ASPETTA DAVVERO?

-La realizzazione di 700 appartamenti  con 2 torri di 53 metri, quasi due grattacieli (lo Starhotel di Novoli è alto solo la metà…)

-Un albergo di lusso che ingloberà il Teatro Puccini, facendone occasionalmente il proprio centro congressi.

-Un carico urbanistico stimato, di 10.000 persone, pari agli abitanti di Pontassieve, che creerà flussi di traffico da incubo.

-P.zza Puccini trasformata in una grande rotatoria per smaltire i flussi di traffico sopra citati.

-L’incremento di smog, polveri sottili ed inquinamento acustico derivanti dal continuo passaggio di veicoli e dalla realizzazione dei lavori.

-Un aumento del rischio di allagamenti in tutta la zona, Stante la previsione di demolire la spalletta su cui corrono i binari della ferrovia che porta alla Leopolda, togliendo così la protezione che essa offre nell’ipotesi, non remota di un’esondazione del fosso macinate.

-L’assenza di parcheggi a raso e pubblici: l’unico previsto è circa un terzo di quanto dovrebbe in realtà essere.

-L’assenza di verde pubblico: solo una bella serie di fioriere e ciuffi d’erba che spunteranno dalla pavimentazione a graticcio del parcheggio.

Questa è solo una piccola parte delle opere e delle previsioni contenute nel progetto FINTECNA e, poiché i cittadini non intendono subire passivamente questa devastazione, il Comitato si attiverà fin da subito presentando, entro il prossimo 14 giugno le sue Osservazioni alla Variante e mantenendo una costante mobilitazione  contro questo progetto di trasformazione dell’area della ex manifattura tabacchi secondo quanto espresso dai numerosissimi cittadini che hanno preso parte all’assemblea . Logo manifattura